Ricetta gazpacho classico

Gazpacho
Il gazpacho è uno dei cibi più conosciuti della gastronomia spagnola e consiste in pratica nella preparazione di una zuppa.
Il gazpacho è detto anche gazpacho andaluso proprio perché si pensa che le sue origini siano della regione dell’Andalusia, la regione più calda e dove gli ingredienti principali (ortaggi e olio d’oliva) sono abbondanti, infatti la ricetta originale sembra essere stata inizialmente solo di pane, olio e aceto, nel corso degli anni i contadini lo hanno arricchito di pomodori, peperoni, cipolle e molti ortaggi e servita fredda anche se al centro della Spagna viene servita calda con la carne (la versione de La Mancha).
La zuppa fredda di verdure è stato individuato come l’unico modo che avevano i contadini andalusi di rifocillarsi adeguatamente nel periodo estivo in cui il caldo secco faceva passare la voglia di cucinare e mangiare.
Come ogni ricetta la cui origine si perde nel tempo, ogni città ha una sua propria ricetta del piatto così che potremmo organizzare anche un tour della sola Andalusia alla scoperta delle varie ricette di gazpacho, infatti a Siviglia possiamo mangiare un buonissimo gazpacho rosso, con il pomodoro, mentre a Cordoba bianco senza pomodoro, nella Sierra Morena e nella Sierra de Huelva.

La ricetta però definita come classica è composta essenzialmente da pomodoro (se il pomodoro non è molto maturo il colore del gazpacho sarà arancio anzoché rosso), cetriolo  e peperoni (dai sapori forti e dissetanti), poi cipolla e e aglio.
Il pane rende più cremosa la nostra zuppa che diventa molto simile ad una pappetta.
Dopo questa breve introduzione andiamoa a vedere come deliziare la nostra famiglia e i nostri amici con un fresco e piatto della cucina andalusa.

Ingredienti per 4 persone:
1/2 cipolla
3 spicchi di aglio
1/2 Bicchiere di aceto
1 Bicchiere di olio di oliva
2 pomodori
3 peperoni
1/2 cetriolo
4 Bicchieri di acqua
Pane (normalmente pane duro)
un pugnetto di sale

Il procedimento è semplicissimo, basta mettere tutti gli ingredienti nel frullatore, ma per una maggiore digeribilità è consigliato sbucciarli prima. Il pane va a aggiunto a piacere, a seconda che si voglia unza zuppa o una crema, e in relazione al pane regolare l’acqua.
Mettere il composto nel frigorifero e lasciare raffreddare.
Buon appetito!

Questa voce è stata pubblicata in Secondi e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>